La mia recensione del libro BASTA! di Lilli Gruber

recensione libro Basta!

In questo mondo incentrato sulla politica del testosterone, è arrivato il momento di dire Basta! come titola l’ultimo libro di Lilli Gruber.

Lei, grande professionista di animo battagliero e spirito arguto, la prima donna a condurre un tg in prima serata, in questo libro analizza l’eterna questione della parità di genere guardandola e studiandola da diversi punti di vista, suddividendola in nove capitoli dai titoli accattivanti.

Basta! Il potere delle donne contro la politica del testosterone” è quindi un libro che può diventare uno slogan per noi donne, ma anche per quegli uomini che si discostano da un modello machista di gestione del potere. È proprio anche in momenti come questo dell’emergenza Covid 19, che uomini e donne possono ancor più e devono unire le loro competenze e collaborare per vincere questa guerra… e quella contro qualsiasi tipo di gender gap. Insieme ed uniti verso uno stesso obiettivo e oltre!

Per leggere la mia recensione completa ->clicca qui <- 
(Per consultare altre delle mie recensioni ti invito a visitare la pagina dedicata -> RECENSIONI)

#iorestoacasa – Lettura dei capitoli di Donne all’Opera con Verdi – Podcast

In nome della solidarietà digitale al movimento #iorestoacasa e dell’uso positivo del tempo in questo difficile periodo di lotta contro il #coronavirus, è nata l’idea di far riscoprire il piacere dell’ascolto, attraverso la lettura in #podcast delle storie raccontate nel mio #libro “Donne all’Opera con Verdi. Storie e riflessioni con tredici protagoniste delle opere di Giuseppe Verdi” -> (link alla pagina del libro sul sito)

Ogni giorno, un nuovo audio con la #lettura di un capitolo dedicato alla scoperta di un’eroina verdiana, dalla sua storia ai nostri giorni, il tutto piacevolmente accompagnato da brani di musica lirica.

I primi capitoli sono già online:
Indice e Introduzione -> https://bit.ly/3a34fng
Capitolo 2 -> https://bit.ly/39b5rnb
Capitolo 3 -> https://bit.ly/2U7STIY
Capitolo 4 -> https://bit.ly/3982UKL

Per non perdere gli #audio dei prossimi capitoli ti invito a cliccare qui -> https://bit.ly/Donne-allOpera-con-Verdi oppure visita la pagina Facebook dedicata -> https://bit.ly/33wxJHQ

Nella speranza di allietare in qualche modo la tua permanenza in casa, buon ascolto!

Con il coronavirus si diffonde un nuovo virus: lo smart working!

E questo potrebbe far bene a tutti!

Anche i più scettici finora, hanno la possibilità di apprezzare da oggi in poi un nuovo modo di lavorare: lo smart working.

E il paradosso è rappresentato dal fatto che dopo studi, libri, convegni, ricerche e statistiche, per praticare in modo diffuso lo smart working in Italia è stato convincente, e disgraziatamente con forza, nientemeno che un virus sconosciuto, dal contagio molto veloce e finora controllato con difficoltà da scienziati, politici e comunità.

Per lavorare in modo intelligente ci voleva proprio un virus? Purtroppo pare di sì!

Già gli osservatori mondiali notano che in Cina si è abbassato l’inquinamento per il minor traffico dei trasporti, nel nord Italia sta accadendo la stessa cosa.  Dopo “l’obbligo” di lavoro in smart working – per chi e dove ciò è possibile-  le persone e le aziende che lo praticano per la prima volta potrebbero scoprire che:  il tempo lavoro può essere gestito in modo differente dalle abitudini, dalle logiche tradizionali del controllo capo-dipendente, le riunioni si possono fare via skype, la gestione del tempo di lavoro e di vita privata può essere ridefinito in nome di un benessere personale e organizzativo che va a vantaggio di persone e di imprese, la genitorialità diffusa diventa un ufficiale valore sociale praticato e praticabile, non solo percepito dalle coppie ma nella rete delle relazioni nella comunità, lo stress può diminuire, i costi dell’inquinamento dei trasporti tradizionali e delle malattie ad esso collegate si riducono, e altro, altro, ancora.

Nel 2018, in un mio articolo, ho scritto: “Il lavoro agile, quindi lo smart working, può innescare circoli virtuosi a vantaggio d’impresa e dipendenti, e di rispetto per l’ambiente con un occhio all’ecologia dei materiali usati per la struttura di nuove aree e a beneficio non solo estetico anche del territorio (basti pensare, per esempio, al minore inquinamento ambientale dei trasporti non utilizzati per i trasferimenti casa-lavoro-casa). Altri, numerosi e in crescita, sono i progetti aziendali protagonisti di questa nuova forma di lavoro, come rileva ciclicamente l’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano. Il che fa ben sperare!”

Insomma, abbiamo una opportunità inaspettata: da una situazione drammatica innescata dalla diffusione del coronavirus e dalla necessità di argine e prevenzione del contagio, si apre una possibilità preziosa di cambiamento che può essere accelerato fattivamente e in modo costruttivo. In termini culturali e organizzativi. Perché potrebbe avere un impatto per molti inaspettato sulla qualità della vita di ciascuno e di tutti.

Master Study Fair – Salone dello Studente Roma, 20 febbraio 2020

Il 20 febbraio ho partecipato a Roma, con il Prof. Andrea Castiello d’Antonio, al Masters Study Fair – Salone dello Studente, a cura di Master and More https://www.master-and-more.eu/en/masters-portal/

E’ stato un momento interessante di scambio con molti giovani, desiderosi di bussole per intraprendere percorsi di master e di entrata nel mondo del lavoro. Sono stati molto utili e apprezzati l’intervento del Prof. Castiello a proposito di cosa richiedono ai giovani le aziende di oggi rispetto alle soft skill, e l’opportunità di svolgere con me una breve simulazione di interviste di selezione. Le ragazze e i ragazzi che hanno colto questa opportunità hanno anche ricevuto un feedback di miglioramento e sono stati molto soddisfatti di un momento di crescita, seppur in breve tempo. Anche per me gli incontri con i giovani sono stati momenti di confronto importanti. Insomma, per tutti una piacevole esperienza. Da ripetere!

PRESENTAZIONE DEL LIBRO “CONFLITTI” – MILANO 7 FEBBRAIO 2020

Continuano gli eventi dedicati a “Conflitti” in collaborazione con Psicologia Contemporanea e Libraccio.
Ne parliamo con il Prof. Andrea Castiello D’Antonio, Sonia Malaspina (H.R. Danone) e Elvira Serra (Corriere della Sera) venerdì 7 febbraio 2020 a Milano alle ore 18:00 da Libraccio in viale Romolo 9.
Non mancate, vi aspettiamo!

Presentazione del libro “Conflitti” – Roma, 31 gennaio 2020

Vi invito con piacere alla presentazione del mio libro “Conflitti” scritto con il Prof. Andrea Castiello d’Antonio. Avremo l’occasione di incontrarci e di parlare di come gestire i conflitti in ogni tipo di relazione.
Ci vediamo venerdì 31 Gennaio 2020!

Buon Natale e Buon Anno Nuovo

Un caloroso augurio di Buon Natale e di un 2020 pieno di soddisfazioni e cambiamenti positivi!

Da Luciana d’Ambrosio Marri
Sociologa del Lavoro, Consulente di Management e Counselor
📍 Viale Pinturicchio 58 (zona Roma Nord)
📧 lucianadambrosiomarri@gmail.com
📞 347 855 1024

Buon Natale caminetto

OGGI È LA GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE. Appello per uomini veri!

Giornata contro la violenza sulle donne

Cari uomini veri,

le donne sono spesso vittime di ex che non accettano di essere ex, le donne che denunciano sono ancora poche anche perché sono lasciate spesso sole pur di fronte alla denuncia di violenze che sono pesanti e difficili da affrontare. I dati ISTAT mostrano che tre milioni e 700mila donne hanno interrotto relazioni violente: separate e divorziate le più a rischio.

uomoIl Codice Rosso aiuta ma non basta. La violenza contro le donne è linguaggio e comportamento, è cultura. In questo giorno e non solo in questo giorno, i veri uomini, cioè coloro che si rifiutano di essere omologati ai machisti, gli uomini veri che come tali rifiutano l’amore violento che amore non è, è importante che dicano NO, che ci mettano la faccia, che si impegnino in una battaglia insieme alle donne, per isolare quei finti uomini che con battute di infimo livello, con provocazioni, con atteggiamenti e linguaggi machisti, nascondendosi dietro il potere di ruolo e della forza fisica, continuano a perpetrare culture e comportamenti che diffondono, praticano e rinforzano la violenza sulle donne.
Solo i veri uomini dicono basta concretamente alla violenza sulle donne.

Quindi, cari uomini veri metteteci la faccia e fatevi sentire!!

Per non dimenticare dopo il 25 novembre: A Milano, Ospedale S. Carlo, dal 21 novembre c’è una mostra con le radiografie delle vittime di violenza e consiglio di dare anche solo un’occhiata per capire la realtà, ben oltre le parole.