CHE SUCCEDE SE LO STUPRO NON È REATO EUROPEO?

ALLARME DELLE DONNE DI IMPEGNO E DI GOVERNO Verso Summit W20 2024 – Rio de Janeiro a ottobre.

W20 – WOMEN 20 – è il gruppo di 100 delegate di 19 Paesi europei e l’Unione Europea, che elabora proposte e raccomandazioni sulla parità di genere e l’empowerment delle donne per ridurre il gender pay gap, promuovere la partecipazione economica, l’emancipazione sociale e politica delle donne.

Il 20 febbraio si è svolta la Conferenza Stampa della Delegazione del W20 ITALIA sulla violenza sulle donne e diritti negati che ha lanciato un allarme: il rischio che in Europa passi una direttiva – con conseguenze anche in Italia – che azzera la Convenzione di Instabul: gravi sono i pericoli se lo stupro non verrà riconosciuto come reato europeo.

In questa intervista flash ce li spiega Linda Laura Sabbadini, responsabile di ricerca, innovatrice, già capo dipartimento ISTAT, grande esperta sulle discriminazioni di genere, già Chair W20 nel 2021, e oggi tra le speaker in conferenza stampa.

Ascolta l’audio qui sotto o leggi la trascrizione dell’intervista di seguito:

Luciana d’Ambrosio Marri, sociologa del lavoro, e anche nel Comitato Scientifico di Stati Generali delle Donne, intervista Linda Laura Sabbadini, luce, faro, donna struttura portante di Women 20.

D. Oggi (20.2.2024) in Conferenza Stampa, due importanti appelli, in vista della votazione nel Parlamento Europeo, su un qualcosa che stride fortemente con i diritti, finora acquisiti delle donne. Ci vuoi dire due cose?

R. Il primo è un appello al Parlamento Europeo, quindi a tutti i partiti, e in particolare alle donne del Parlamento Europeo. Non fate passare questa Direttiva, perché questa Direttiva Europea snatura la Convenzione di Istanbul, perché questa direttiva non recepisce lo stupro né le molestie sessuali sul lavoro, come reati europei e quindi i Paesi non avranno l’obbligo e quindi le sanzioni, se non applicheranno quella definizione di questi due reati, che è prevista dalla Convenzione di Istanbul. Quindi ognuno farà riferimento alla definizione del suo Paese.
Secondo elemento fondamentale e appello è invece a livello nazionale: modifichiamo la legge, modifichiamo la legge italiana perché è una legge ancora arretrata e quindi rimoderniamola tenendo conto della Convenzione di Istanbul e prevediamo che lo stupro sia un reato e che cioè, si tratti come rapporto sessuale senza consenso esplicito.
Visto che il Governo ha preso una posizione corretta per non stracciare lo stupro a livello Europeo gli chiediamo a questo punto, così come tutta l’opposizione, di schierarsi per la modifica della legge e lo chiediamo ovviamente in primis alla Commissione Femminicidio che ha sempre adottato un atteggiamento molto trasversale che è la chiave fondamentale per raggiungere obiettivi sulla violenza: è sempre stato così nella storia del nostro Paese.

Grazie mille Linda!

LASCIA PERDERE, USCIRE DAL MITO DI DOVER VINCERE SEMPRE

Quando, come e perché può valere la pena lasciar perdere?

Nel suo libro Annie Duke, ex giocatrice professionista di poker e specializzata in psicologia cognitiva all’Università della Pennsylvania, aiuta a capire come uscire dal mito del dover vincere sempre, comunque e a qualsiasi prezzo. In azienda e nella vita.

Leggi qui la mia recensione su LASCIA PERDERE, appena uscita su PANORAMA RISORSE UMANE – FEBBRAIO 2024.

DONNE STEM!

donne-stem-24

Siamo nella settimana dedicata alle donne STEM, dal 4 all’11 febbraio, “Giornata internazionale delle donne e delle ragazze nella scienza”.

Barriere, stereotipi, pregiudizi bloccano le donne che con competenze e capacità entrano e animano il mondo della scienza e ne diventano anche protagoniste purtroppo spesso invisibili e quasi mai al vertice delle organizzazioni. Mi sono occupata anche di questo tema,  su cui ho parlato al Festival Informatici Senza Frontiere  e scritto un libro (YES WE STEM) e articoli che puoi vedere qui .

Su questa Settimana STEM 2024 E GIORNATA INTERNAZIONALE puoi saperne di più e seguire le tante iniziative in Italia: clicca qui.

SERENITA’ PROFESSIONALE E NON SOLO… LA GESTIONE DELLO STRESS E ALTRI TEMI INTRIGANTI

Questo ed altro è al centro della video intervista che ho rilasciato ad A.L.I.T.U.R., una vivace associazione dell’Università di Tor Vergata – Roma, composta da giovani ingegnere e ingegneri di varie specializzazioni dell’Università, che si propone come ponte universitario tra giovani e imprese, offrendo loro vari servizi.

Un’associazione composta da giovani che si impegnano con energia e curiosità, non solo nello studio, ma anche per guardare al futuro con passione e sguardi molteplici verso l’attualità e verso opportunità che cercano, trovano, costruiscono in un mondo variegato e a tratti contradittorio che cercano di capire.

La video intervista tratta lo stress, i giovani e il mondo del lavoro, con focus sui ponti di passaggio e gli strumenti necessari per gestirli. È una conversazione su un argomento ricco di interrogativi, spunti, incertezze che fornisce alcune bussole non solo per i colloqui di lavoro, ma anche per la vita organizzativa.

Le domande sono state molte, stimolanti e articolate. L’intervista sarà pubblicata sul sito di ALITUR e sui loro social anche in forma di brevi pillole video nel corso del 2024.

Sono molto contenta di questa esperienza istruttiva anche per me e che aiuta il contatto con la realtà che evolve e l’apprendimento reciproco tra generazioni.

Per approfondire i temi trattati dall’intervista, ecco il mio libro “Come muovere i primi passi in azienda“, sempre attuale sull’argomento, di cui QUI trovate anche una recensione su LA STAMPA.

OMONIMIA E… NON SOLO STALKING

partecipazione a forum Luciana D'ambrosio Marri

Mercoledì 24 gennaio sono stata ospite di Barbara Palombelli a FORUM su Canale 5 dove si è affrontato uno strano caso di omonimia e stalking che rompe il già precario equilibrio di una coppia.

Cosa può succedere? Come gestire fiducia e vecchi rancori tra partner che hanno anche un figlio?

Dinamiche dirompenti, approcci alla vita, rapporti con figli adolescenti e gestione delle regole i temi sollevati di cui abbiamo parlato.

Per vedere l’intera puntata o alcune sue parti clicca QUI .

STRESS DI INIZIO ANNO? ECCO ALCUNI STRUMENTI UTILI

La GENERAZIONE Z è più colpita, almeno secondo sondaggi di Indeed e della BBC, per l’ansia da lavoro e pure i MILLENNIAL sono molto colpiti dal fenomeno di burnout, il sovraccarico da lavoro che ti brucia. E anche in Italia non si scherza!  Per molte persone ricevere pressione di soddisfare di più e sempre più alte aspettative, scenari mondiali di insicurezza e guerre, precarietà del lavoro, ecoansia, sono tutti fattori di stress che giocano in contemporanea e quindi formano una miscela potente di Stressor.

In più vale per tutti, sebbene possa pesare per molti, la ripresa di inizio anno: da una parte l’entusiasmo per progetti o consolidamenti di attività già intraprese, dall’altra senso di stanchezza, timori, ansie per il futuro, il peso – e quindi il rifiuto – di sentire il dovere di alzare sempre l’asticella, la difficoltà a dire no e salvaguardare il proprio equilibrio e senso di realtà.

Allora è fondamentale evitare di finire in tunnel da cui è poi sempre più difficile uscire, è importante parlarne con figure esperte che possono aiutare a rivedere con chiavi più ampie e differenti le priorità, i limiti, le risorse che si hanno e che talvolta sono invisibili alla stessa persona che le possiede.

I percorsi di empowerment e di coaching – counseling per l’autosviluppo personale e professionale sono strumenti molto utili. Se vuoi saperne di più contattami.

CERCASI INGEGNERE UOMO. PARITÀ DI GENERE E MONDO DEL LAVORO.

intervista a time line sky tg 24 su giorgia meloni e parità di genere

Ha sollevato polemiche il bando emesso dal Comune di Siena per la preferenza espressa verso la ricerca di un ingegnere uomo per riequilibrare a norma di legge un ambiente professionale che vede in maggioranza donne.

Su questo e altri temi d’attualità collegati alla parità di genere nel mondo del lavoro, a partire dalla Conferenza Stampa della Presidente Meloni, ecco QUI la mia intervista su SKY TG24- TIMELINE condotta da Milo D’agostino il 4 gennaio 2024.

LAVORO: UNO SGUARDO SUL 2024 E UN AIUTO SE SERVE!

2024

Secondo la ricerca di Adecco Global Workforce of the Future, a proposito del lavoro 2024 emerge che: “Le principali motivazioni espresse dai lavoratori che desiderano cambiare lavoro includono un miglior salario (26%), l’insoddisfazione verso la propria mansione attuale (19%), un miglior bilanciamento tra vita e lavoro (18%), migliori benefit extra salario (16%) e un maggiore investimento dell’azienda nella loro formazione (12%). D’altro canto, coloro che desiderano rimanere nel loro attuale impiego citano la stabilità (20%), un buon bilanciamento tra vita e lavoro (18%), l’utilizzo delle proprie skill a lavoro (16%), il salario (12%) e la cultura aziendale (11%) come i principali motivi per restare.

In più diventa molto importante la cura del benessere e della salute mentale. Infatti certi dati fanno riflettere: uno su tre sono i lavoratori che negli ultimi mesi hanno sperimentato il burnout. E per lo più le ragioni sono il sovraccarico di lavoro, o le eccessive responsabilità per il proprio ruolo e la mancanza di leadership.

Aziende, manager e responsabili hanno molto da fare per rispondere alle aspettative delle persone che in esse lavorano, perché dalla ricerca pare che queste aspettative siano parecchio alte!

Per approfondire la ricerca vedi QUI.

E se vuoi una mano per affrontare meglio la tua vita lavorativa e la tua crescita professionale nel 2024 contattami qui. Troveremo insieme la soluzione di percorso migliore per le tue priorità e le tue esigenze!

PATRIARCATO E MONDO DEL LAVORO. INTERVISTA

intervista-patriarcato-e-mondo-lavoro

Violenza contro le donne, patriarcato e mondo del lavoro. Insomma temi che riguardano il potere decisionale sia nelle relazioni affettive sia in quelle professionali. Cambiamenti lenti, difesa dei diritti, e comportamenti.  Su tutto ciò ecco la mia videointervista rilasciata a LE CONTEMPORANEE il 25 novembre durante l’evento CAMBIAMO COPIONE organizzato da WIFMT Women in Film, Television & Media Italia a Palazzo Merulana.

La trovate QUI